L’istruzione delle ragazze si limita, soprattutto nelle valli e nei piccoli centri, alle scuole elementari. Le giovani che hanno la possibilità di accedere agli studi superiori possono optare tra l’istituto magistrale e quello di ragioneria.

 

La laurea resta una prerogativa quasi esclusivamente maschile. Solo le figlie di famiglie benestanti ed acculturate possono ambire agli studi universitari.

 

 

90757

Anni ’50 − © Archivio fotografico storico della Provincia autonoma di Trento

 

 

 

 

 

 

 

 

152259

Anni ’50, Donne al lavoro nei campi − © Archivio fotografico storico della Provincia autonoma di Trento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il lavoro è invece un’occasione aperta anche al mondo delle donne:

1. Nei centri rurali aiutano la famiglia nei campi, nell’accudimento degli animali oppure lavorano a giornata presso terzi per guadagnare qualcosa.

2. Molte sono “tabacchine” o “masere”, lavorando le foglie di tabacco oppure i campi di seminativi.

 

 

88782

Anni ’50, Donne operaie al lavoro con le foglie di tabacco essiccate − © Archivio fotografico storico della Provincia autonoma di Trento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

3. Nei centri urbani le offerte di lavoro per le donne sono più ampie. Ci sono operaie ed anche domestiche; per le diplomate, c’è spazio come impiegate o come maestre nelle scuole.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Credit foto: Archivio fotografico storico della Provincia autonoma di Trento

 

 

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus
error: Questo contenuto è protetto!