Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

All’aria aperta, in compagnia, con pochi mezzi e tanta fantasia: così trascorrono i momenti di svago e di gioco per i bambini degli anni Cinquanta. Modi semplici di passare il tempo, ma importanti occasioni per socializzare, incontrarsi e cementare amicizie e relazioni che dureranno nel tempo. La palla a muro, scondi lever (nascondino), cavallina, sono i giochi preferiti dai bambini di allora.

 

giochi

Scondi lever (Nascondino) – tratto da S. Brunelli e G. Francescatti, Rango e lo scorrere del tempo, Comano Vallesalus, Comano Terme 2013

 

Semplici anche i giocattoli: la fionda, il pallone, la racola (raganella), le scudelete, i fagioli, successivamente sostituiti dalle biglie, e per le bambine la bambola. Erano per lo più fatte di pezza, confezionate in casa, col corpo di stoffa ripiena di scartoci del granturco o di cotone; gli occhi il naso e la bocca erano ricamati. Una pezza colorata come vestitino e un fazzoletto in testa, quindi un po’ di colore sulle gote e la bambola era pronta.

 

I ragazzini più grandicelli giocano anche con i residui bellici che ancora si possono trovare sul territorio, con tutta la pericolosità che ne consegue.

 

[Credit materiale: S. Brunelli e G. Francescatti, Rango e lo scorrere del tempo, Comano Vallesalus, Comano Terme 2013]

 

12321357_1606970349525457_6451029351712185682_n

Tratta da Trento 1950-1980. Trent’anni di storia e cronaca, F. de Battaglia, F. Filippini, Aldo Gorfer, L. Mattei, TEMI, Trento 1979

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus
error: Questo contenuto è protetto!