Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Nel Trentino degli anni ’50 le motociclette costituiscono il primo passo verso la motorizzazione sul suolo provinciale, anticipando di molto la diffusione dell’automobile: tra il 1952 e il 1957 c’è un incremento esponenziale dei motoveicoli, che passano da 2.900 a 27.169 unità.

La moto diventa un mezzo di trasporto privato molto più appetibile della bicicletta, ma più accessibile dell’auto. “Vespa” e “Lambretta” sostituiscono carri e biciclette, sia su strade asfaltate che su strade ancora sterrate, sebbene la loro capacità di trasporto sia più limitata. Intere famiglie, infatti, compiono avventurosi tragitti in Vespa.

 

 

le motociclette

Manifesto pubblicitario della Vespa – Foto: Archivio fotografico della Provincia Autonoma di Trento

 

 

 

 

le motociclette

Foto tratta da: “Molveno Passatopresente” vol. II

 

 

Negli anni ’50 anche il Trentino da il proprio contributo dalla creazione delle motociclette: L’Aero Caproni S.p.a progetta e realizza la moto bicilindrica “Capriolo Cento50“. La motocicletta tutta trentina viene presentata  ufficialmente alla Fiera Internazionale del Ciclo e Motociclo di Milano nel 1953. «Il motore di 150cc. a due cilindri orizzontali contrapposti a rotazione trasversale con trasmissione finale a catena, rappresentava l’unico esemplare nella costruzione mondiale di motore “flat twin” di piccola cilindrata. Venne prodotta fino al 1956 in non più di 500 esemplari e rappresenta, per la sua rarità, originalità, le speciali caratteristiche tecniche e raffinatezza costruttiva, una delle più apprezzate e ricercate motociclette degli anni ’50.» [Cit. Registro storico Capriolo]

 

 

Il Capriolo Cento50 – Foto tratta da: Registro storico Capriolo

 

 

 

 

le motociclette

La prima produzione delle Capriolo – Foto tratta da: “Trentino da ricordare: 1948-1978”

 

 

 

le motociclette

Foto tratta da: Registro storico Capriolo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus
error: Questo contenuto è protetto!