I cambiamenti nell’agricoltura degli anni ’60 nelle video-interviste realizzate nei Laboratori di “DNA di classe”

 

 

 

Foto: Archivio della Provincia Autonoma di Trento

 

 

 

L’agricoltura trentina negli anni ’60, grazie alle risorse impiegate dall’amministrazione provinciale, inizia a decollare: meccanizzazione, specializzazione e commercio.

Con il boom e il nuovo benessere, le famiglie contadine possono permettersi di comprare strumenti meccanici per aiutarsi nel lavoro. Inoltre, i prodotti coltivati non servono più solo a sfamare l’unità famigliare ma iniziano a diventare fonte di guadagno.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Remo Bettin

“Ho intervistato un signore che si chiama Remo Bettin, che ha una azienda agricola-floricola. Il signor Bettin ha iniziato a lavorare quando ha finito la quinta elementare e andava ad aiutare il suo papà.” Intervista di Angela Fiamozzi – Istituto agrario di San Michele all’Adige

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Roberto Vettori

Nella mia intervista il mio intervistato, Roberto Vettori, parla di tecniche colturali, degli alveoli, della produzione e vendita di una volta.” Intervista di Michele Mimiola – Istituto agrario di San Michele all’Adige

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus
error: Questo contenuto è protetto!