Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

La brentana. L’alluvione del 1966 nella valsugana orientale è un libro edito all’interno della collana “progetto memoria” curato dal circolo Croxarie. In questo splendido volume vengono raccolti articoli dei quotidiani del tempo, testimonianze, fotografie e contributi di quanti hanno vissuto l’alluvione del 1966 in Valsugana.

 

La pubblicazione non ha soltanto lo scopo di narrare gli eventi disastrosi del novembre del ’66, ma ha soprattutto quello di guardare con sguardo critico all’evoluzione paesaggistica ed economica del territorio: l’alluvione viene presentata infatti, anche come spartiacque, come punto di separazione tra il territorio del “prima“, con un’economia prevalentemente arretrata, dedita all’agricoltura, ma in procinto di aprirsi al rinnovamento industriale, e il territorio del “dopo“, con la ricostruzione, il fiorire del settore manifatturiero e lo sviluppo di infrastrutture.

 

Un percorso, questo, legato alle testimonianze del tempo che si propone di dare uno sguardo al passato ma anche al futuro di una delle valli del nostro Trentino.

 

Leggi qui la pubblicazione!

 

«Dunque l’alluvione, la “brentana”, del 4 e 5 novembre piomba come un maglio in una fase di transizione per la Valsugana, che sta faticosamente uscendo dall’arretratezza economica e lasciandosi alle spalle l’antica civiltà contadina per tuffarsi nel nuovo sogno industriale, con tutto quel che di buono ciò comporta in termini di occupazione e benessere (si pensi solo al progressivo esaurimento del fenomeno emigratorio) ma anche con discutibili interventi sul piano urbanistico e ambientale. L’alluvione del ‘66 è ancora ben presente nella memoria di chi vive in Valsugana, per l’eccezionalità dei fenomeni che l’hanno accompagnata (uno su tutti la doppia valanga, di acqua e massi, del torrente Chieppena) ma forse anche perché costituisce un evento di forte carica simbolica. Nei ricordi di chi ha vissuto i “lunghi terribili giorni” c’è un “prima” e un “dopo” dove poco o niente è rimasto uguale: un po’, se vogliamo, come nelle grandi guerre nel Novecento.»  [cit., La brentana. L’alluvione del 1966 nella valsugana orientale, Croxarie, Strigno, 2006]

 

La brembana. L'alluvione del 1966 nella valsugana orientale

Roncegno Terme, località Marter, alluvione del 4 novembre 1966. ©archivio Giuseppe Sittoni – Croxarie

 

 

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus
error: Questo contenuto è protetto!